Itinerari turistici artistici e culturali

Itinerario Parchi letterari

Giovanni Verga


La riviera dei Ciclopi, lungo cui si snoda il Parco Letterario intitolato a Giovanni Verga (1840-1922), è nota per le vicende mitologiche tramandateci dai grandi poeti dell'antichità: Omero e Virgilio. La leggenda vuole che i tre faraglioni, situati lungo la costa di Acitrezza, siano massi lanciati da Polifemo, contro la nave di Ulisse che fuggiva. "L'Arcipelago dei Ciclopi" in seguito è diventato scenario suggestivo per ill rito "U pisci a mari", tradizione popolare legata ai festeggiamenti in onore di S.Giovanni Battista, patrono di Acitrezza, che si svolgono ogni anno il 24 giugno. La pantomima rappresenta l'antica arte della cattura del pesce spada. Questa messinscena rispecchia tutta la cultura di un popolo indissolubilmente legato al mare. Uno squarcio di vita quotidiana che ispirò il "verismo" di Verga. Il percorso nella memoria verghiana continua attraverso i luoghi suggeriti dall'autore. Ne fa parte il castello normanno, scenario suggestivo degli avvenimenti narrati con la novella "Le storie del Castello di Trezza", e prosegue per Acitrezza, dove si rivisitano i luoghi del lento decadimento della famiglia protagonista de "I Malavoglia": la casa del nespolo, le viuzze, la piazza, la fontana, la chiesa. Si ripercorrono anche i luoghi del celebre film di Luchino Visconti "La terra trema", girato con attori locali, i pescatori di Trezza. Nonostante nei titoli di testa del film non appaia alcun esplicito riferimento a Verga ed a "I Malavoglia", l'opera cinematografica è ispirata ai luoghi e ai personaggi del romanzo.

fonte: Regione Sicilia

 

 

© 2002/2004  Art Advertising