Itinerari turistici artistici e culturali

Museo delle marionette di Palermo



L'Opera dei pupi in Sicilia ha due matrici: quella del racconto orale che i cantastorie facevano ogni giorno nelle piazze e quella gestuale, della danza con le spade, antica rappresentazione del combattimento tra bene e male, legata ai riti della fertilità nella cultura contadina. Si deve all'iniziativa di Antonio Pasqualino, autentico archeologo del mondo fantasioso di pupi, la creazione di uno straordinario museo che raccoglie una ricchissima collezione di marionette, di figure del teatro delle ombre orientali, di scenari e pannelli provenienti da tutto il mondo. Ubicato nella Kalsa, l'antico quartiere arabo, il museo in 800 metri quadri distribuiti su due piani raccoglie più di 3.500 esemplari di pupi e marionette a fili e bastone, burattini a guantone. L'edificio ospita anche la biblioteca con circa 3.000 volumi su marionette e tradizioni popolari, la videoteca con la registrazione di spettacoli teatrali di differenti paesi; propone inoltre spettacoli dal vivo, laboratori e mostre itineranti. Le prime sale sono dedicate ai pupi siciliani, di scuola palermitana e catanese; in particolare si ammirano i volti dai tratti delicati dei pupi del teatro di Gaspare Canino (XIX sec.). La seconda sezione è invece dedicata alla tradizione europea (come le inglesi Punch and Judy) ed extraeuropea con una vasta selezione d'esemplari orientali: burattini cinesi, marionette indiane, birmane, vietnamite, tailandesi e africane, presentate in una suggestiva penombra che evoca atmosfere esotiche lontane. Un vero e proprio giro del mondo attraverso le marionette e le storie che esse raccontano.

fonte: Regione Sicilia

 

© 2002/2004  Art Advertising