Vallelunga Pratameo

 

 

                                          

                                           

 

  inviateci una immagine del vostro comune: sarà pubblicata con il vostro nome

Profilo del Comune

CAP

93010

Territorio (ha)

3916

Abitanti 

3844

Altitudine (mt)

457

Previsioni

Meteo

 

Sito ufficiale del Comune 

E-mail

TELEFONO

tel. 0934 814 077

fax. 0934 814 390

LINK UTILI

 

 
 

È un centro agricolo della regione collinare tra i fiumi Platani Salso alla sinistra del torrente Belice affluente del Platani. Il primo documento in cui è citata Vallelunga risale al tempo di Federico lI d’Aragona quando era possedimento di Giovanni Caltagirone. Al toponimo Vallelunga fu affiancato l’appellativo di Pratameno per la presenza di un amenissimo giardino in contrada Magasenaccio. In seguito passò al figlio Nicolò, ma, essendo il feudo gravato da ipoteca, per i debiti contratti dal barone Giovanni, sei parti del feudo furono assegnati dalla Regia Curia a Luca Giacomo, che era il creditore, lasciando a Nicolò Caltagirone il diritto di riscattare le terre pagando il debito entro quattro mesi. Luca Giacomo lasciò il feudo alla moglie Desiata che, a sua volta, lo cedette a Perruccio (o Puccio) degli Omodei figlio della sorella. Nel 1406 Perruccio compra la restante parte del feudo. Nel 1461 il possesso del feudo fu confermato da re Giovanni ad Aloisio degli Omodei figlio di Perruccio. La famiglia degli Omodei tenne il feudo di Vallelunga sino al 1568. Il 4 novembre 1568 con lettera del vicerè Ferdinando Moncada, tutore di Ettore Omodei, fu autorizzato a vendere il feudo gravato dai molti debiti accumulati durante il possesso degli Omodei. Il feudo con tutte le sue pertinenze fu acquistato da Vincenzo Notarbartolo signore di Polizzi, con atto stipulato presso il notaio Francesco Palmeri. Durante la signoria dei Notarbatolo, sul finire del secolo XVI, nel feudo cominciarono a sorgere le prime case dei coloni richiamati dai paesi vicini. Nel 1621 il feudo di Vallelunga fu acquistato da Pietro Marino, nobile di Termini Imerese. Attirato dalla tranquillità del luogo e dalla feracità della terra, il Marino iniziò la costruzione della sua casa e nel 1633 chiese ed ottenne dal vicerè duca di Ayala la "licentia populandi". Per popolare il nuovo paese il barone emise dei bandi che vennero pubblicati nei paesi vicini promettendo lievi censi sulle terre concesse in enfiteusi. I nuovi coloni arrivarono dai paesi della provincia di Palermo, principalmente da Caltavuturo, Sclafani, Polizzi e Petralia Sottana. Il feudo, così popolato, fu chiamato "Terra Marini". Il barone, con la "licentia populandi", ottenne anche la facoltà di nominare il governatore, il capitano di giustizia e i giurati. Nel 1634, dopo averne fatta richiesta al vescovo di Cefalù, fece costruire la chiesa parrocchiale che volle consacrare a Maria SS. Di Loreto. A Pietro Marini nel 1643 succedette il figlio Loreto che il 18 maggio 1652 vendette due terzi del feudo a Cristoforo Papè e Riva, cavaliere dell’ordine di San Gennaro e protonotaro del regno. Nel 1677 Pietro Francesco Maria Marino ereditò il rimanente terzo. Cristoforo Papè e Riva lasciò erede il fratello Luigi al quale succedette il figlio Giacinto che nel 1671 ottenne il titolo di duca di Pratameno. Nel 1688 Cristoforo Papè e La Farina, succeduto al padre, acquistò la quota del feudo appartenente a Francesco Maria Marino. Così ricomposto il feudo appartenne alla famiglia Papè fino al 1812 quando, con la nuova costituzione, fu abolita la feudalità in Sicilia. Nel 1819 il paese fu assegnato alla provincia di Caltanissetta e nel 1844 fu aggregato alla nuova diocesi istituita a Caltanissetta.

Durante la signoria della famiglia Papè, Vallelnnga conobbe un periodo di prosperità. Furono realizzate varie pubbliche tra cui la costruzione opere di un deposito di frumento che aveva come scopo il prestito del grano da parte delle famiglie più ricche a favore dei meno abbienti. A tale proposito scrive Vito Amico: «Una colonna frumentana in pro dei poveri fu fondata verso il 1777 dalle primarie famiglie del comune Il capitale, cioè l’intera quantità di frumento destinata al prestito è di salme 500. Dipende dal consiglio generale degli ospizi, ed è amministrato dal sindaco, da due componenti laici e da un deputato ecclesiastico, eletto dal vescovo. Il frumento si presta nelle festività di Natale, nei giorni carnascialeschi, nelle feste di Pasqua, ed in altre occasioni nelle quali se ne sperimenta bisogno dalla povera gente, per mancanza di lavoro nella stagione invernale». Ma la quantità del grano depositato cresceva a dismisura tanto che gli amministratori chiesero il permesso di vendere il frumento in eccedenza e col ricavato costruire un altro deposito. Il permesso venne accordato con regio rescritto del 1855 e col ricavato della vendita, che ammontava a circa 3000 ducati, fu realizzato il nuovo deposito. Furono costruite due scuole per l’insegnamento della grammatica e una terza riservata alle ragazze, che vi apprendevano le arti femminili, la lettura e la scrittura.

La chiesa madre fu costruita nel 1634 dal barone Pietro Marino e dedicata a Maria SS. Di Loreto. Più volte rimaneggiata e ampliata nel corso dei secoli successivi, presenta l’interno a croce latina a tre navate. E caratterizzata da due massicce torri cuspidate e da un ampio portale centrale in stile goticheggiante. Custodisce tele di scuola napoletana raffiguranti la Trinità, San Calcedonio e San Tommaso apostolo oltre a diversi quadri del ‘700 e dell’8OO.

Occasioni di incontro per i cittadini sono rappresentate dalla festa patronale della Madonna di Loreto che si celebra la quarta domenica di settembre e la sagra dell’uva il quarto sabato di settembre. L’economia è caratterizzata dall’agricoltura che produce olive, legumi, cereali, uva, mandorle, e frutta e l’allevamento di ovini, bovini, caprini ed equini.

Copyright © 2003 -PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA

Distanza dalle città Capoluoghi (in Km)

Agrigento

74

Enna

69

Ragusa 

191

Caltanissetta

50

Messina

253

Siracusa

241

Catania

157

Palermo

92

Trapani

191

 

Censimento 2001 della popolazione

(Dati Istat)

Kmq. 39,16
Abitanti 3.844
Famiglie 1.518
Immigrati 4
Densità 98 

 

 

 

Siti personali di

interesse collettivo

I siti web personali di interesse collettivo sono inseriti gratuitamente.

L'inserimento del banner è gratuito ma vincolante all'inserimento del nostro banner in una pagina del  vostro sito 

Clicca per inserimento sito

 

 

 
 
 
 
 
 
 

 
 

Sagre

Feste

Eventi

Manifestazioni

Sagra dell'Uva

0934 814 077

settembres
   
   
   
   
Mercati settimanali
 

venerdi

   
   
   
Mercatini vari
   
   
   

Siti Aziendali

Per essere inseriti fra i siti aziendali è necessario essere affiliati alla guida internet I Sapori di Sicilia
Le aziende affiliate alla guida sono inserite gratuitamente nel comune di residenza
Clicca per richiesta
affiliazione

 

 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

MUSEI

   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Città del Vino

Vitigni: Inzolia, Nerello Mascalese, Trebbiano, Calabrese, Catarratto, Perricone,  

           Grecanico
Vini DOC: Contea di Sclafani  

 

 

indice comuni

  


© 2002/2013 I Sapori di Sicilia